FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Stop modello Riace, il Viminale ordina il trasferimento di tutti i migranti | Mimmo Lucano: "Vogliono distruggerci"

Contestati dal ministero gran parte dei progetti messi a punto dal sindaco-simbolo, Mimmo Lucano, ora ai domiciliari con lʼaccusa di favoreggiamento dellʼimmigrazione clandestina

Stop modello Riace, il Viminale ordina il trasferimento di tutti i migranti | Mimmo Lucano: "Vogliono distruggerci"

Con una delibera datata 9 ottobre, il ministero dell'Interno ha ordinato la chiusura di tutti i progetti legati all'immigrazione portati avanti a Riace. Tutti i migranti entro 60 giorni saranno trasferiti. Quella che era considerata una città modello per l'integrazione viene quindi smantellata anche dopo l'arresto del sindaco (sospeso) Mimmo Lucano, in carcere con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

Non è però un fulmine a ciel sereno visto che già nei mesi scorsi proprio il ministero aveva messo in dubbio, registrando anomalie, la gestione dei migranti posta in essere da Lucano. Nel nuovo provvedimento sono contestate altre 34 irregolarità che vanno dai bonus alle borse di lavoro fino all'eccessivo uso dei permessi dei lungopermanenti, quei migranti che richiedono asilo e sono in condizioni di vulnerabilità.

In generale i progetti Sprar vengono rinnovati ogni tre anni: nel caso di Riace si parla del triennio 2017-2019, ma già dall'estate scorsa il Viminale aveva bloccato alcuni pagamenti per anomalie nella documentazione presentata dall'amministrazione locale. Nel 2018 il comune di Riace non ha ricevuto fondi e il 30 luglio scorso il sindaco era stato avvisato della revoca dei finanziamenti, diventata ufficiale all'inizio di questa settimana. Lo rendono noto fonti del Viminale.

Salvini: "Chi sbaglia paga, irregolarità intollerabili" - "Chi sbaglia, paga. Non si possono tollerare irregolarità nell'uso di fondi pubblici, nemmeno se c'è la scusa di spenderli per gli immigrati". Lo dichiara il ministro dell'Interno Matteo Salvini a proposito dello stop al progetto Sprar di Riace.

Il comune prepara il ricorso - A essere messa in discussione è tutto il "modello Riace", quell'accoglienza diffusa che aveva rianimato un paese morente. L'uso delle case vuote per ospitare gli stranieri e il mancato aggiornamento delle banche dati sono stati tra gli elementi più contestati dal Viminale. Ma il comune non ha intenzione di piegarsi e già prepara il ricorso al Tar che potrebbe sospendere la delibera.

Riace, centinaia di persone in piazza: "Solidarietà al sindaco"

Mimmo Lucano: "Vogliono soltanto distruggerci" - "Vogliono soltanto distruggerci. Nei nostri confronti è in atto ormai un vero e proprio tiro incrociato. I nostri legali, comunque, stanno già predisponendo un ricorso al Tar contro la decisione del Viminale". Lo dice il sindaco di Riace, Domenico Lucano, in relazione alla circolare del Ministero dell'Interno. "Io mi chiedo come sia possibile pensare di distruggere in questo modo il 'modello Riace', descritto da innumerevoli personalità, politici, intellettuali, artisti, come un'esperienza straordinaria. Non si può cancellare una storia semplicemente straordinaria e che ha suscitato l'interesse e l'apprezzamento di tutto il mondo. Lo Stato continua incredibilmente a darci addosso. La mia amarezza è immensa", ha aggiunto Lucano.

Migranti in altri centri già la prossima settimana - I migranti di Riace, secondo quanto si apprende, verranno trasferiti già dalla prossima settimana e e nel giro di un mese dovrebbero essere ricollocati in altri centri. Il coordinamento delle operazioni è affidato al Servizio Centrale, ufficio istituito dall'Anci che gestisce la rete Sprar.

La circolare inviata dal Viminale al comune di Riace

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali