FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Bologna, mancano i prof di sostegno e il preside lancia la provocazione: "Alunni disabili a casa"

NellʼIstituto tecnico commerciale Salvemini gli studenti che necessitano di supporto sono 30, ma le cattedre sono vuote

Bologna, mancano i prof di sostegno e il preside lancia la provocazione: "Alunni disabili a casa"

Gli insegnanti di sostegno non ci sono e il preside lancia una provocazione consigliando alle famiglie di tenere a casa gli alunni disabili. Succede all'Istituto tecnico commerciale Salvemini di Casalecchio di Reno, a Bologna, dove la campanella è suonata da più di venti giorni ma dietro le cattedre non ci sono ancora abbastanza professori. A mancare sono soprattutto quelli di sostegno, una trentina circa.

Ad avere la peggio sono dunque gli studenti disabili, da quelli che manifestano "bisogni educativi speciali" (Bes) fino ai ragazzi di "gravità totale". In totale gli alunni "certificati" sono trenta, ma per la maggior parte di essi non c'è l'insegnante di sostegno. È successo infatti che molti professori, una volta firmato il contratto triennale, sono tornati nelle loro regioni in aspettativa o in malattia sperando di ottenere un incarico vicino a casa e lasciando di conseguenza le cattedre vacanti.

Da qui la provocatoria decisione del dirigente scolastico Carlo Braga che, in attesa di avviare le procedure si sostituzione, ha chiesto alle famiglie di concordare giorni e orari nei quali i ragazzi disabili possono rimanere a casa. "Oggi andrò a prendere mio figlio da scuola alle 11 e domani lo terrò a casa", ha raccontato una mamma che martedì sera ha partecipato a un'assemblea nella quale la dirigenza scolastica ha incontrato più di un centinaio di genitori, tutti nelle stesse condizioni.

"Ho descritto la situazione e l’impossibilità della scuola di fare fronte a questa emergenza", ha spiegato il preside Braga. "È un'iniziativa sofferta, ma come posso distaccare trenta insegnanti curricolari da altrettante classi per dedicarli ai disabili? Appena l'ho fatto, e tanti professori hanno accettato con generosità, il sindacato ha manifestato la sua contrarietà. Ci abbiamo messo tutto l’impegno, ma una situazione eccezionale richiede soluzioni eccezionali".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali