FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Asaps, in aumento le vittime di pirati della strada: 146 morti nel 2015

Lʼaumento rispetto al 2014 è stato del 22,7%. I casi di guidatori risultati positivi alla droga sono cresciuti del 77%

Asaps, in aumento le vittime di pirati della strada: 146 morti nel 2015

Nel 2015 cresce il numero di incidenti mortali causati da pirati della strada. Lo rivelano i dati dell'Osservatorio Asaps, l'Associazione sostenitori della Polstrada. Lo scorso anno sono state infatti 146 le vittime, contro le 119 del 2014 (+22,7%), e 1.254 i feriti (+2,4%), in 1.087 episodi gravi (+7,7%). Gli incidenti mortali nei quali il responsabile è fuggito e successivamente è risultato ubriaco o drogato sono stati il 25%.

Gli incidenti mortali che hanno coinvolto stranieri sono stati il 26,4%. Sono invece aumentati del 77% i casi di guidatori risultati positivi agli stupefacenti. I minori coinvolti sono stati 130, di cui due sotto i 14 anni, 135 gli anziani.

I pedoni sono la categoria più colpita dai pirati della strada: 420 eventi, con 76 morti (poco più della metà dei decessi complessivi) e 404 feriti. Sono stati invece 155 gli episodi che hanno coinvolto ciclisti, con 19 vittime (nel 2014 sono state 24).

Le Regioni più colpite - La geografia della pirateria stradale vede in testa la Lombardia (174 episodi, 16%), seguita da Veneto (122) ed Emilia-Romagna (112). Un unico caso in Basilicata, mentre Roma ha collezionato da sola 47 eventi gravi, il 4,3% del totale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali