TGCOM

Cronaca

Tutte le ultim'ora

2/3/2010

La timidezza? E' quasi una fortuna

A Tgcom lo psicologo Walter La Gatta

In tempi di reality show, di panni sporchi lavati davanti a milioni di telespettatori, c’è ancora chi chi arrossisce se viene interpellato da uno sconosciuto, chi ha la tachicardia al solo pensiero di salutare la persona che vorrebbe invitare a cena, chi suda copiosamente ad un colloquio di lavoro. “La timidezza c’è sempre stata, solo che è cambiata la sua percezione” dichiara a Tgcom il dottor Walter La Gatta, psicologo-psicoterapeuta e responsabile scientifico del sito clinicadellatimidezza.it.

Il dottor Walter La Gatta

Dottor La Gatta, il sito è stato fondato nel 2002. Cosa trova il lettore nelle sue pagine?
“Rappresenta il braccio operativo del nostro lavoro che si sviluppa anche attraverso studi che compiamo in questo settore. E’ un sito di divulgazione con consulenze online, le lettere dei lettori e le nostre risposte, con la spiegazione della timidezza e delle fobie sociali, con l’illustrazione delle attività con le quali cerchiamo di essere di supporto alle persone che si trovano in difficoltà, con test psicologici. Per le molte persone che, purtroppo, non riescono a trovare soluzioni al proprio problema, offriamo le cure direttamente nel studio di Ancona".

Che cos’è la timidezza?
"La timidezza non è una malattia, ma è un lato della personalità di alcune persone che non riescono a essere sufficientemente in linea con le richieste che la realtà impone loro. In questa situazione trovano così forti limiti a potersi esprimere, a poter dare la migliore prestazione possibile nelle cose che fanno. La timidezza è un limite alle proprie prestazioni. Quando poi il problema supera determinate soglie, si passa dalla timidezza alla fobia sociale. Si giunge ad un aspetto patologico della personalità per il quale una terapia è necessaria. Parliamo di fobie sociali ( ansia, vergogna, balbuzie, ecc.) quando si pongono limiti alle nostre attività personali e lavorative. Quando non si riescono più a sostenere determinate situazioni o persone. Quando non si riesce più a mantenere il proprio controllo e si subiscono le manifestazioni emotive".

Quali sono le manifestazioni emotive della timidezza e delle socio fobie?
"La sintomatologia è caratteristica: sudorazione eccessiva, in particolare alle mani che diventano fredde, respirazione affannosa, tachicardia, rossore in viso".

Perché arrossire ci fa sentire così male?
"Il rossore è un limite sociale importante: viene vissuto come il manifestarsi, lo svelare all’altro la propria fragilità. Una debolezza nelle prestazioni che, magari, in realtà non esiste neppure. Questo timore di scoprirsi deboli e inadeguati porta a evitare i contatti sociali, lavorativi fino a sfociare nella patologia".

Le statistiche sulla timidezza cosa dicono?
"In base alla nostra ultima ricerca del 2009 su un campione di circa 600 persone in Rete possiamo affermare che non c’è differenza tra uomini e donne. La differenza sta invece nella risposta sociale: se per la donna è accettato che possa rispondere con timidezza a un momento imbarazzante, perché si ritiene che la timidezza sia insita nella femminilità, nell’uomo questo non è accettato. La timidezza in un uomo è vista come un elemento di fragilità, di debolezza che lo penalizza. Andando ad osservare le fasce di età, quelle più coinvolte dal disturbo sono l’adolescenza (l’80% dei teen-ager denuncia di avere sofferto questo disagio) e quella tra i 25 e i 40 anni indifferentemente per uomini e donne".

Rispetto a 10-20 anni fa come sono considerati questi tipi di disturbi?
"Sono più o meno tollerati di un tempo? Oggi abbiamo una realtà più difficile da gestire, più competitiva, più complessa e quello che 10-20 anni fa poteva essere un aspetto marginale dell’esistenza sociale oggi viene percepito in modo molto più marcato come un serio limite al proprio sviluppo personale".

La timidezza pone più problemi nella sfera privata, di coppia o nel campo lavorativo?
"Il problema è che la timidezza non ha confini. Coinvolge tutta la sfera personale e porta a limitare le proprie esposizioni pubbliche: a rinunciare ad andare al cinema, a cena con gli amici, in discoteca. A ritenere invalicabili i rapporti con l’altro sesso. Ma dall’altro rappresenta anche un limite lavorativo perché quando c’è l’opportunità di un avanzamento di carriera con la realizzazione e un coinvolgimento personale maggiore, la persona è portata a rinunciare magari a favore di un collega magari anche meno preparato, ma che sa gestire meglio le proprie emozioni. Un limite che impedisce lo sviluppo personale e professionale".

Come viene curato il problema dal vostro centro?
"Con le terapie tipiche dell’armamentario della psicologia: con la psicoterapia individuale di orientamento cognitivo comportamentale, con le tecniche che posso aiutare a gestire le emozioni come l’ipnosi, l’autoipnosi, il training autogeno che si applicano alla patologia e che servono a migliorare il controllo delle emozioni che porta con sé anche il controllo dell’ansia che scaturisce dalle emozioni. Perché è l’ansia che impedisce di dare la migliore prestazione. L’emozione di gioia nell’incontrare la ragazza che si vorrebbe invitare a cena scatena anche un’emozione di ansia molto elevata che non si riesce nemmeno a chiamare per nome la ragazza per chiederle di uscire. Oppure il conflitto emotivo è talmente forte quando si viene chiamati dal capufficio che ci offre un incarico migliore da non riescire a spiaccicar parola nemmeno per rispondere “sì” o “no”.
In questo momento, da un lato si spettacolarizza la vita privata – trionfano i reality, le trasmissioni in cui le vicende private, intime, vengono messe in piazza – e dall’altro continuano a sussistere i timidi…
"I timidi sono sempre esistiti. Se l’incidenza epidemiologica è la stessa nel corso degli anni, la percezione cambia in relazione ai modelli sociali che ci sono intorno. Di fronte ad un modello sociale in cui tutto va svelato, tutto va messo in onda, il timido si trova in difficoltà. Si sente ancor più inadeguato. Mentre la ragazza timida degli anni Cinquanta non faceva nemmeno caso alla propria timidezza, che veniva ritenuta insita nell’indole femminile, oggi una ragazza timida si sente particolarmente limitata nell’esprimersi. Perché non è ammissibile che una ragazza arrossisca perché vede passare il ragazzo che le piace. Mentre 30 anni fa era una cosa del tutto normale".

Lei si occupa di psicologia del selezione del personale. Può dare un consiglio a chi sostiene un colloquio di lavoro?
"Di fronte a una situazione di particolare importanza della prestazione che si sta per esprimere, la cosa principale per una persona timida è non rimanere concentrati su se stessi, perché sarebbe un errore. Perché è sufficiente sentire accelerare un poco il battito cardiaco, che il respiro si faccia un pochino più affannoso ed ecco che la persona incomincia a pensare di sentirsi male o di non ricordare più nulla di ciò che deve dire. Purtroppo è una profezia che si avvererà. Quindi mai rimanere concentrati sulle proprie percezioni, ma cercare di rimanere concentrati sul compito e sull’altro evitando di osservarsi con troppa attenzione come invece fa la persona timida. E’ già un buon modo per limitare le conseguenze. Anche guardando il nostro sito, prendendo coscienza del fatto che il problema della timidezza ci accomuna a tanti altri è già in qualche modo terapeutico".

L’essere timidi è solamente un fatto negativo?
"No, anzi, è quasi una fortuna: le persone timide sono sempre molto intelligenti, molto autocritiche, molto consapevoli dei propri limiti. In generale sono persone di grosso valore e che purtroppo non riescono ad esprimere completamente a causa di questa eccessiva critica verso se stessi, di questo eccessivo tentativo di auto svalutazione. Non sono mai completamente convinte di quello che stanno per fare anche se sono bravissime".

Elisabetta Carli


Ultimo aggiornamento ore 10:12


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark
IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true

Home page di Cronaca