TGCOM

Cronaca

Tutte le ultim'ora

23/11/2009

Pisa, cade aereo militare: 5 morti

Il C130 stava facendo un'esercitazione

Un aereo militare è caduto nei pressi dell'aeroporto di Pisa durante un'attività di addestramento poco dopo il decollo. Non ci sono superstiti tra le cinque persone dell'equipaggio a bordo del velivolo, un C130. Tutti i membri della squadra appartenevano alla 46esima brigata aerea di Pisa ed erano in missione addestrativa.

(foto Ansa)

I nomi delle cinque vittime
L'Aeronautica militare ha reso noti i nomi dei cinque militari morti nell'incidente: il maggiore pilota Bruno Cavezzana, 40 anni, di Trieste, il tenente pilota Gianluca Minichino, 28 anni, di Napoli, il tenente pilota Salvatore Bidello, 30 anni, di Sorrento (Napoli), il maresciallo Maurizio Ton, 44 anni, di Pisa e il maresciallo Gianluca Larice, 39 anni, di Mestre (Venezia). L'Aeronautica esprime il proprio cordoglio ai familiari delle vittime. Era il maggiore Bruno Cavezzana l'istruttore di volo del C-130. L'ufficiale era da tempo residente a Ponsacco (Pisa) e lascia la moglie e una figlia di 15 mesi. Il tenente Gianluca Minichino lascia invece un figlio di 18 mesi e la moglie ha appreso di essere incinta del secondo figlio solo da poco tempo. Il tenente Salvatore Bidello era celibe e residente a Cascina (Pisa). Pisano il primo maresciallo Maurizio Ton, che abitava con la famiglia a Colignola (Pisa) e lascia la moglie e due figli: Francesco di 20 anni e Federico di 15.

L'incidente - riporta il sindaco di Pisa, Mario Filippeschi - è avvenuto in località Le Rene, vicino a Coltano. L' aereo è caduto sulla linea ferroviaria Pisa-Collesalvetti-Cecina, una tratta secondaria, in una zona lontana dalle abitazioni. Il velivolo avrebbe urtato e strappato alcuni fili dell'alta tensione sopra la linea ferroviaria. Il C130 J è decollato alle 14,10 e poco dopo si è schiantato. "Chi l'ha visto dall'aeroporto - spiega Filippeschi - racconta che c'è stato una sorta di avvitamento. L'aereo non era vicino alla pista d'atterraggio, era abbastanza distante".

Lo schianto 150 metri dopo il primo decollo
E' caduto da un'altezza che i responsabili dell'Aeronautica militare ipotizzano possa essere stata di 100-150 metri e dopo il primo decollo l'aereo precipitato a Pisa. Il generale Stefano Fort, comandante della 46esima Brigata Aerea, ha spiegato che a differenza di quanto ipotizzato in un primo momento, l'incidente non è avvenuto durante una manovra "touch and go". Dopo essersi alzato in volo l'aereo ha virato verso sinistra poi si è inclinato sulla destra ed è precipitato. Fort ha detto che al momento non è possibile fare ipotesi sulle cause dell'incidente, spiegando che l'aereo era "l'ineccepibile dal punto di vista manutentivo e perfetto in tutti i suoi componenti". Secondo il comandante della base, un testimone non avrebbe visto fuoco sprigionarsi prima dell'impatto a terra, ma ha poi aggiunto che altre testimonianze sono al vaglio.

Il cordoglio del premier e di Napolitano
Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, non appena appresa la notizia del tragico incidente, ha espresso al ministro della Difesa, Ignazio La Russa, le sue condoglianze, affinché le estenda alle famiglie delle cinque vittime. Anche il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, appresa la  notizia del tragico incidente aereo ha inviato un messaggio al Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Vincenzo Camporini, chiedendogli di rendersi interprete presso la Forza Armata e le famiglie dei caduti dei suoi sentimenti di profondo cordoglio e di affettuosa vicinanza.

La 46esima Brigata Aerea e le missioni umanitarie
Il Reparto della 46esima Brigata Aerea è dagli anni Sessanta uno dei principali strumenti di aiuto alle popolazioni in difficoltà in tutto il mondo del governo italiano. Ha trasportato viveri, medicine, apparecchiature mediche, ospedali da campo e tutto quanto può essere utile in condizioni estreme di disagio e crisi. In Italia svolge anche il servizio di trasporto di organi per trapianti e di persone attaccate ad apparecchiature che le tengono in vita.

Padre pilota: "Non voglio accettare la realtà"
"Non mi sembra vero, vorrei che fosse tutto una cosa inventata, non voglio accettare questa realtà": sono le prime parole, rotte dal pianto, di Silvano Cavezzana, padre del comandante del 50esimo Gruppo della 46esima brigata aerea dell'Aeronautica militare, di stanza a Pisa, morto nell'incidente. "Sono vent'anni, giusto vent'anni che era all'Aeronautica - ha detto Cavezzana al telefono - l'ha fatto sempre con un entusiasmo da fine del mondo".

Ultimo aggiornamento ore 14:40


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark
IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true

Home page di Cronaca