TGCOM

Cronaca

Tutte le ultim'ora

3/11/2009

"Stop al crocefisso in classe"

Sentenza Corte diritti Uomo Strasburgo

I crocefissi cattolici vanno tolti dalle aule scolastiche. Lo stabilisce la Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo nella sentenza su un ricorso presentato da una cittadina italiana, che andrà risarcita dall'Italia con 5mila euro. Per la Corte la presenza di questi simboli costituisce "una violazione dei genitori ad educare i figli secondo le loro convinzioni" e una violazione alla "libertà di religione". Il governo italiano ha fatto ricorso.

Soile Lautsi, cittadina italiana originaria della Finlandia, madre di due ragazzi, nel 2002 aveva chiesto all'istituto statale "Vittorino da Feltre" di Abano Terme (Padova), di togliere i crocefissi dalle aule frequentate dai suoi figli. Nei ricorsi davanti ai tribunali in Italia aveva sempre perso. Ora, i giudici di Strasburgo le hanno dato ragione. La sentenza, rende noto l'ufficio stampa della Corte, è la prima in assoluto in materia di esposizione dei simboli religiosi nelle aule scolastiche.

Il governo italiano presenta ricorso
La reazione dell'Italia è stata immediata. "Il governo ha presentato ricorso contro la sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo" ha annunciato il ministro dell'Istruzione, Mariastella Gelmini. 

Gelmini: "Nessuno può toglierci le nostre tradizioni"
Il ministro dell'Istruzione commenta poi la sentenza: "La presenza del crocefisso in classe non significa adesione al Cattolicesimo ma è un simbolo della nostra tradizione. La storia d'Italia passa anche attraverso simboli, cancellando i quali si cancella una parte di noi stessi". "Nel nostro Paese - aggiunge Mariastella Gelmini - nessuno vuole imporre la religione cattolica, e tantomeno la si vuole imporre attraverso la presenza del crocifisso. E' altrettanto vero che nessuno, nemmeno qualche corte europea ideologizzata, riuscirà a cancellare la nostra identità". Poi, ancora: "Non è eliminando le tradizioni dei singoli Paesi che si costruisce un'Europa unita, bisogna anzi valorizzare la storia delle nazioni che la compongono".

NELLA PAGINA SEGUENTE LE REAZIONI: del Vaticano, dei ministri Frattini e Maroni, del segretario del Pd, Bersani

Ultimo aggiornamento ore 10:07


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark

Invia un commento


COMMENTI

15/03/10

Gian

In Italia possono coesistere varie confessioni religiose ma i simboli della religione cristiana cattolica non vanno eliminati perchè qualcuno se ne lamenta.In Italia le cose stanno così, se vi piace bene, se non vi piace arrangiatevi, non è un problema nostro. Rispettate gli altri (specialmente se sono la maggioranza) e sarete rispettati anche voi; la cosa comunque non porta ad eliminare dei simboli della cristianità. Non sono praticante ma questi simboli vanno mantenuti senza discutere!!
25/01/10

Anna

Ma dico io.... a Strasburgo che data è oggi???? Lunedi 25 gennaio 2010? E da dove l'hanno preso questo 2010??? Dalla data di nascita di quell'Uomo in croce tanto contestato? Quindi qui le cose sono due: o si riconosce Cristo in tutto e per tutto, o si ricomincia da capo con un minimo di coerenza per ciò che si afferma. E questo vale anche per quel giudice che si rifiuta di fare il proprio mestiere davanti al Crocifisso...chissà quale data mette lui sui suoi atti ??????
24/01/10

raffi

ciro.se tutti noi cattolici ci saremo ribbellati oggi non avremmo tutti questi problemi. con i musulmani gli evangelisti gli atei ecc ecc ma siamo ancora in tempo a portare avanti la nostra cultura italiana se no fra poco tempo diventeremo tutti musulmani e girare per le strade col turbando in testa e le nostre donne camminare come zorro o mummie per la citta.ma perche non andate a casa vostra ma chi vi a mandati che di immondizia gia ce ne tanta della nostra.via via viaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
24/01/10

sole

Io sono Italiana da sempre...ma mi dispiace non sono piu' cattolica,anzi la chiesa deve sprofondare per qulle cose che dice e fa'....ma forse Dio lo sta' gia' facendo :).
Siccome ora sono Buddista voglio anche il mio simbolo....
Non siamo tutti cattolici!!!
21/11/09

Modenese

Ma tutti questi soloni lo sanno che il crocefisso in aula é previsto da diverse norme in vigore compresi trattati internazionali?NON E'UN ABUSO E LA LAICITA' NON C'ENTRA NIENTE!Dite pure il vostro parere,ci mancherebbe,ma non inventatevi situazioni giuridiche inesistenti.E non tiratemi fuori i bambini che si "turbano"... .Quanto alla croce sulla bandiera il signor maraton non ha mai notato quanti comuni ecc. italiani ce l'hanno?Forse l'osservazione non é così peregrina!
IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true

Home page di Cronaca