TGCOM

Cronaca

Tutte le ultim'ora

21/10/2009

Lucca, muore ucciso dai carabinieri

La vittima ha sparato con scacciacani

Un uomo è morto colpito dai carabinieri che erano intervenuti dopo la segnalazione di una lite in un condominio a Pieve San Paolo, frazione del comune di Capannori (Lucca). Dopo la sparatoria e ulteriori accertamenti si è scoperto che la vittima, Andrea Azzarri, aveva una scacciacani. Proprio l'intervento delle forze dell'ordine aveva scatenato il conflitto a fuoco, dopo la reazione dell'uomo. In precedenza Azzarri aveva ferito con un'accetta tre persone.

La pistola con cui la vittima aveva sparato prima contro due finanzieri, poi contro i carabinieri, era dunque "una scacciacani, una replica di una calibro 38, con la quale ha esploso 6 colpi''. Lo ha detto il comandante provinciale dei carabinieri di Lucca, colonnello Stefano Ortolani. Azzarri è successivamente rimasto ucciso da un colpo di pistola sparato da uno dei carabinieri arrivati davanti al palazzo dove l'uomo aveva da poco ferito con un'accetta tre donne: due erano sue parenti e una la badante.

Azzarri aveva 46 anni e abitava in uno dei due appartamenti dello stabile nel quale è avvenuta la lite. Una delle persone colpite è poi stata ricoverata in gravi condizioni all'ospedale, mentre le altre due donne ferite hanno riportato soltanto lievi ferite.

La ricostruzione
Contro la pattuglia dei carabinieri intervenuta sul posto per sedare la rissa sono partiti alcuni colpi di pistola e a quel punto gli agenti hanno risposto al fuoco, secondo quanto spiega in una nota il comando dei carabinieri di Lucca. L'uomo ucciso è morto in seguito a un colpo di pistola dei militari. I carabinieri hanno spiegato che una pattuglia del comando di Lucca è intervenuta sul posto intorno alle 9 del mattino, su richiesta del 118, in località Pieve San Paolo, dove era stato segnalata la presenza di "un soggetto che, pare per una banale lite condominiale, con un'accetta colpiva i passanti e aveva già ferito tre persone. Appena giunta sul posto la pattuglia veniva fatta oggetto di colpi di pistola da parte della persona che prima impugnava l'accetta. I militari rispondevano al fuoco e colpivano il soggetto che cadeva a terra e decedeva''.

Questo quanto si legge sulla nota del comando, che continua: ''Secondo le prime notizie pare che il soggetto soffrisse di una grave forma di crisi depressiva''. Sul posto sono intervenuti 'immediatamente il sostituto procuratore di Lucca Enrico Corucci e il comandante provinciale dei carabinieri di Lucca, colonnello Stefano Ortolani.

Ultimo aggiornamento ore 14:30


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark
IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true

Home page di Cronaca