TGCOM

Cronaca

Tutte le ultim'ora

15/1/2008

No al Papa, "Dietro c'è il vuoto"

I vescovi: "Contestazioni preoccupano"

I vescovi hanno difeso la visita di Benedetto XVI alla Sapienza di Roma. Per la Cei dietro alla protesta dei docenti c'è "il vuoto di chi rifiuta il confronto, di chi ritorna a forme di anticlericalismo ottocentesco". L'intervento del Papa "sarà un momento alto di incontro, con tutti, senza barriere, senza chiusure, senza censure. Nonostante le contestazioni. Che preoccupano". E il Vaticano ha confermato la visita di giovedì.

"E' stata un'ottima idea invitare Benedetto XVI alla Sapienza, una grande università. Perché l'università è il luogo della libertà, della ricerca, del confronto, del dialogo, della ricerca appassionata della verità a partire da diverse prospettive, disciplinari, culturali, ideali". Così si apre la nota dei vescovi italiani.

"L'università è nata così, nel medioevo, e così deve continuare a svilupparsi - hanno scritto - sia pure nelle nuove forme e superando, con il concorso di tutti, le non poche difficoltà poste dalla società di massa globalizzata. Il cerimoniale ha lavorato di cesello, per non urtare le diverse suscettibilità e il programma prevede la partecipazione all'inaugurazione dell'anno accademico e poi una visita alla restaurata cappella. C'è da preoccuparsi leggendo le motivazioni del "niet" che hanno pronunciato piccoli gruppi, rumorosi, taluni professori e taluni studenti. Non per l'ordine pubblico o per motivazioni politiche o diplomatiche. C'è piuttosto da preoccuparsi per il senso di vuoto che questo rifiuto grida alla comunità universitaria innanzi tutto e poi alla più vasta opinione pubblica".

"In ogni caso tutti siamo oggi alle prese con la cruciale questione della ragione, del futuro, delle prospettive di sviluppo della civiltà. Il Papa propone di affrontarla insieme allargando l'orizzonte e lo spazio della nostra razionalità, per usare tutte le nostre potenzialità. Non è un invito o, peggio, un obbligo alla conversione. Non è tantomeno uno sfoggio di potenza o di invadenza. E' una ipotesi di ricerca, è un suggerimento che raggiunge la libertà e l'inquietudine di chi cerca", è la conclusione.

Il Vaticano: vogliono censurare il Papa
Subito il Vaticano si è schierato a difesa della presenza di Benedetto XVI all'apertura dell'anno accademico. "Sono iniziative di tono censorio - ha commentato Radio Vaticana - . Il Papa è stato invitato e la visita si terrà regolarmente".

"'Benedetto XVI non deve parlare all'università La Sapienza: questo il "tollerante appello" firmato da 67 docenti dall'ateneo di Roma, che, peraltro proprio da un Papa è stata fondata, Bonifacio VIII, nel 1303 - ha proseguito Radio Vaticana nella sua nota - . I firmatari dell'appello hanno scritto al rettore Renato Guarini, definendo "sconcertante" l'invito del Pontefice. E, intanto, gruppi di studenti annunciano sit-in anti-Papa nella città universitaria".

Radio Vaticana ha poi intervistato sul tema il genetista Bruno Dallapiccola, professore di Genetica Medica presso la stessa. "Devo dire che questa è un'uscita vergognosa e che sicuramente non fa onore ad un'università grande, importante come La Sapienza, università alla quale io appartengo - ha precisato Dallapiccola - . Un'università che anni fa ha ospitato il gruppo dei Raeliani che volevano far la clonazione dell'uomo. Un'università che in altri tempi è stata aperta a politici di ogni tipo o addirittura a degli attori che sono diventati così improvvisamente popolari".

"Non si vergognano coloro che hanno sottoscritto manifesti di questo tipo di voler impedire di parlare a una persona che gode di rispetto a livello mondiale? - ha concluso - Rispetto per una persona la quale può avere dei pensieri che possono anche non essere condivisi, però in una palestra grande come l'università, penso che ci debba essere ospitalità per tutti specie quando abbiamo la fortuna di avere delle figure di spicco che vengono nella nostra università".

IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true