TGCOM

Cronaca

Tutte le ultim'ora

21/12/2007

Malasanità, muore un marocchino

Bari, ha atteso unidici ore in ospedale

La Procura di Trani ha aperto un'indagine sulla morte di un uomo avvenuta dopo 11 ore di attesa al pronto soccorso dell'ospedale di Andria. Indagati per omicidio colposo 7 tra medici e sanitari del nosocomio. L'uomo, un marocchino 43enne, sarebbe rimasto "parcheggiato" 11 ore all'ospedale Bonomo in attesa di un letto disponibile che non è stato trovato e i medici hanno deciso di trasferirlo a Spinazzola dove è giunto morto.

Sull'incredibile vicenda la procura della Repubblica di Trani (Bari) ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo e ha disposto accertamenti sull'operato di sette tra medici e sanitari dell'ospedale 'Bonomo' di Andria. L'uomo - secondo quanto sta verificando il titolare dell'indagine, il pm Michele Ruggiero - sarebbe rimasto 'parcheggiato' nel pronto soccorso del nosocomio andriese dalle 13.30 fino alla mezzanotte di martedì.

Il riconoscimento della salma e' stato fatto dal responsabile della casa di accoglienza per immigrati della Caritas di Andria, don Geremia Acri, che aveva ospitato nel centro il marocchino per circa due ore la mattina del 18 dicembre. L'autopsia dovrà accertare le cause della morte di Bensadah. Al momento le ipotesi prese in considerazione sono due: le cause naturali e l'assideramento.

La vicenda è cominciata la mattina del 18 dicembre, quando alcuni stranieri si accorgono che Salah Bensadah non sta bene. Per questo il marocchino viene accompagnato in ospedale. Al 'Bonomo' i medici chiamano agenti del commissariato di polizia e riferiscono che l'uomo ha bisogno di stare al caldo e di mangiare, e che è superfluo tenerlo in ospedale. La polizia chiama don Geremia e chiedere il suo aiuto. Il sacerdote accetta subito. Alla Caritas Bensadah viene lavato e vestito con abiti caldi, i volontari gli tagliano barba e capelli e gli danno del cibo.

"Ma Salah dice di avere ancora molto freddo - spiega don Geremia - e infatti aveva i piedi lividi e doloranti, per questo abbiamo chiamato il 118. All'inizio non volevano neppure portarlo via, poi si sono resi conto che hanno dovuto utilizzare la sedia a rotelle per farlo salire nell'ambulanza". Erano le 11.30 di martedì quando Salah è andato via dal centro e da quel momento in poi di lui non si era saputo più nulla, fino alle 13.30 di giovedì, quando don Geremia è stato chiamato dai carabinieri per il riconoscimento della salma. 

"La dignità umana è stata calpestata", dice con rabbia mista a compassione il sacerdote, che aggiunge: "Dopo più di 2000 anni, proprio a Natale, succede che c'è chi si rifiuta di dare un giaciglio a qualcuno, si rifiuta di dare aiuto: questo poteva capitare anche a un andriese, non solo a uno straniero".

IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true