FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Anonymous: "Rubati documenti a istituzioni italiane ed europee"

Sottratte anche alcune mail tra funzionari di palazzo Chigi e polizia sulla visita del premier Gentiloni prevista mercoledì a Bologna

Anonymous: "Rubati documenti a istituzioni italiane ed europee"

Centinaia di file, tra mail, ordinanze di servizio delle questure, buste paga e documenti di appartenenti a forze armate, sono stati sottratti alle istituzioni italiane ed europee da Anonymous. Lo ha annunciato il gruppo di hacker, spiegando che i dati sono stati rubati a ministeri, corpi dello Stato e istituzioni. Sottratte anche alcune mail tra funzionari di palazzo Chigi e polizia sulla visita del premier Gentiloni prevista mercoledì a Bologna.

Il post di Anonymous: "La rivoluzione passa anche da qui" - I documenti sono stati messi in rete da Anonymous accompagnati da un post: "Cittadini - scrivono gli hacker - siamo lieti di annunciarvi, per il diritto della democrazia e della dignità dei popoli, che siamo in possesso di una lista di dati personali relativi al Ministero dell'Interno, al Ministero della Difesa, alla Marina Militare nonché di Palazzo Chigi e Parlamento Europeo".

"Governo corruttore di democrazia - prosegue il post - la rivoluzione passa anche qui, inarrestabile, il cui ideale conosce ora i vostri nomi, i vostri contatti telefonici, le vostre residenze. Possediamo anche fotocopie dei vostri documenti personali, di quelli dei vostri parenti ed amici, contratti di lavoro, contratti d'affitto, buste paghe e molto altro. Per l'ennesima volta lo Stato Italiano tradisce ed imbarazza i valori dei nostri militari che hanno giurato di difenderlo. Ma difendere chi? Difendere i propri cittadini o un governo che imbarazza le stesse forze di difesa?".

I documenti rubati - Tra i documenti scaricabili dalla rete diversi sono molto recenti: c'è, ad esempio, un'ordinanza della questura di Roma relativa a diverse manifestazioni datata 10 novembre e uno scambio di mail tra funzionari di palazzo Chigi e della sicurezza contenente i nomi degli appartenenti alle forze di polizia incaricati di fare oggi a Bologna un sopralluogo in vista della visita, domani, del premier Gentiloni.

Ci sono poi diverse altre ordinanze di servizio, le frequenze radio chieste e concesse all'Italia per le comunicazioni di sicurezza in occasione della visita del presidente del Consiglio a Bruxelles dal 19 e 20 ottobre, un documento del "Centro unico stipendiale esercito" con le disposizioni relative agli stipendi dei militari, i numeri di cellulare di personale del ministero dell'Interno in missione all'estero. E, ancora, dati personali e foto di agenti e militari: curricula, dichiarazioni dei redditi, fotocopie di passaporti e carte d'identita', buste paga e contratti d'affitto.

La Difesa: "Non sono entrati nelle nostre reti" - Da parte sua, lo Stato Maggiore della Difesa spiega che "le informazioni sono provenienti da una sottrazione di dati e documenti personali contenuti soprattutto in mail private di singoli dipendenti dell'Amministrazione Difesa, con una palese violazione della privacy. Nessuna informazione a uso d'ufficio è stata in alcun modo trafugata, né, tanto meno, dati e argomenti classificati".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali