FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Rigopiano, ritardi nei soccorsi e caotica gestione delle telefonate: due segnalati

A pochi giorni dallʼanniversario della tragedia dellʼhotel in cui persero la vita 29 persone emergono nuovi particolari che testimoniano la complessa situazione delle istituzioni in quei giorni

A pochi giorni dall'anniversario della tragedia dell'hotel Rigopiano in cui morirono 29 persone emergono nuovi particolari. I ritardi nei soccorsi e la caotica gestione delle telefonate hanno portato ad altre due segnalazioni chieste dai carabinieri forestali alla Procura di Pescara per altrettanti dirigenti pubblici: il responsabile della sala operativa del 118 di Pescara, Vincenzino Lupi, e la funzionaria della Prefettura, Daniela Acquaviva.

Agli atti c'è lo stralcio di una telefonata acquisita nelle concitate ore del 18 gennaio nella quale la funzionaria, rivolgendosi all'operatore del 112 dei carabinieri, afferma: "Ma l'hotel Rigopiano è stato fatto stamattina". Sono invece le ore 18.09, e la valanga ha già sommerso l'hotel e ucciso la quasi totalità delle 29 vittime poi accertate.

"C'erano dei problemi. Sono stati raggiunti e sta tutto a posto", continua la funzionaria. Al che il carabiniere ribatte che a lui Quintino Marcella, il datore di lavoro del cuoco Giampiero Parete, colui che ha dato l'allarme, avrebbe invece detto che l'hotel sarebbe stato sommerso da una valanga. "Eh si, questa mattina", ribatte la funzionaria della sala operativa, "l'intervento sull'hotel Rigopiano l'hanno fatto stamattina".

Alla luce di questa telefonata che la confusione sarebbe stata generata da quanto accaduto presso una struttura agricola a Farindola (Pescara) sulla quale in effetti erano intervenuti dei soccorsi.

A sviare e ritardare, secondo gli investigatori, l'attenzione sulla valanga c'è anche la telefonata del 118 all'amministratore dell'hotel, Bruno Di Tommaso, che conferma sia tutto a posto, ma al quale però il funzionario del 118 non chiede espressamente se avesse delle "segnalazioni ricevute riguardanti una valanga". Il responsabile del 118 non chiedeva a Di Tommaso "dove si trovasse, perché avrebbe facilmente scoperto che era a Montesilvano" e non avrebbe potuto effettuare controlli, e né ha chiesto al Di Tommaso "di provare a contattare l'hotel o il personale presente".

Alla luce di queste due telefonate si è appreso che i due funzionari sono stati segnalati per omissione d'atti d'ufficio dai carabinieri Forestali di Pescara alla Procura, ma al momento non si hanno riscontri sul fatto che siano o meno stati inseriti nel registro degli indagati.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali