> Tgcom24 > Cronaca > Abruzzo > Neutrini più veloci della luce, l'Einstein italiano: "Ora bisognerà riscrivere i manuali di fisica"
23.9.2011

Neutrini più veloci della luce, l'Einstein italiano: "Ora bisognerà riscrivere i manuali di fisica"

Tgcom ha intervistato Valerio Albertini, a capo della ricerca che scuote il mondo scientifico

foto Dal Web
20:07 - In mattinata è arrivata la conferma: i risultati ottenuti dall'esperimento Cngs (Cern Neutrino to Gran Sasso) dimostrerebbero che la velocità della luce è un limite superabile. Una scoperta epocale che, se confermata, farebbe cadere la teoria della relatività di Einstein. Valerio Rossi Albertini, ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche presso l’Istituto della Materia, spiega a Tgcom il significato di questa scoperta. 

Può spiegarci la portata di questa scoperta?
“Io sarei cauto nel chiamarla scoperta, perché ci sarà bisogno di altre evidenze sperimentali per confermarla, quindi per ora dobbiamo usare formule dubitative. Comunque sia, se questo risultato fosse confermato attraverso altri esperimenti, allora dovremmo ripensare alla teoria della relatività di Einstein.”

Come si è svolto l’esperimento?
“A Ginevra sono state generate delle particelle, i neutrini, che sono state poi sparate in direzione del Gran Sasso, hanno attraversato la crosta terrestre per 730 km e sono state rivelate nei laboratori del Gran Sasso. Un team di ricercatori guidato dall’italiano Antonio Ereditato ha osservato che il tempo impiegato dai neutrini per coprire questa distanza sarebbe inferiore (di 60 nanosecondi) al tempo che avrebbe impiegato un raggio di luce. Quindi qualora l’esperimento fosse confermato, significherebbe che la luce non è l’entità fisica più veloce dell’universo come era stato ipotizzato sotto forma di dogma nella teoria di Einstein.”

Perché questa scoperta potrebbe essere così importante?

“Dal 1905 la teoria della relatività non è mai stata contraddetta dai dati sperimentali di qualunque esperimento, quindi sarebbe la prima volta in cui si osserva un’anomalia che induca a pensare che la luce possa non essere l’entità più veloce dell’universo. Significherebbe riconsiderare la teoria della relatività che si considerava una delle teorie più solide e infallibili della storia della fisica e quindi di conseguenza riconsiderare la percezione che abbiamo dell’intero universo intorno a noi.”

E come cambierebbe la nostra vita nel quotidiano?
“Nell’immediato, nella vita di tutti i giorni, non ci sarebbero grandi ripercussioni, un po’ come quando si capì che è la terra a girare attorno al sole e non viceversa. Però se questi risultati fossero confermati, dovrebbe essere elaborata una nuova teoria che ne tenga conto e ciò potrebbe avere ripercussioni nell’ambito della logica matematica. La logica si basa infatti sul principio di causalità (ogni effetto è necessariamente conseguente alla sua causa) e questo in fisica si traduceva nella certezza che la velocità della luce fosse insuperabile. Insomma, nel quotidiano la conseguenza più significativa potrebbe essere quella di dover riscrivere tutti i libri di fisica.”

Marco Mugnaioli
OkNotizie
 
Le notizie del giorno
 
 
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile