FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Terremoto nel Centro Italia, salvato in extremis cavallo immerso nella neve

Arriva da Arquata del Tronto (Ap), comune gravemente colpito dal sisma che ha devastato il Centro Italia ad agosto, la storia di un cavallo salvato in extremis. A raccontarla attraverso Facebook il protagonista di questa avventura, Carlo Trenta, che riporta in primo piano il dramma degli animali rimasti senza riparo nelle zone terremotate. "Ero a San Benedetto del Tronto - scrive - quando sono stato contattato dalla polizia stradale per un cavallo abbandonato ad Arquata nella neve". Quando è riuscito a raggiungerlo, sfidando anche il maltempo che imperversava sulla costa marchigiana, lʼuomo ha trovato lʼanimale a terra privo di forze. "Gli ho dato del mais che mi aveva offerto il Wwf, del fieno e dellʼacqua", prosegue Trenta. E il lieto fine: "Dopo un poʼ si è rialzato fortunatamente, poverino". Tanti ancora gli animali in difficoltà per il freddo intenso nelle zone terremotate

Terremoto nel Centro Italia, salvato in extremis cavallo immerso nella neve

clicca per guardare tutte le foto della gallery

Arriva da Arquata del Tronto (Ap), comune gravemente colpito dal sisma che ha devastato il Centro Italia ad agosto, la storia di un cavallo salvato in extremis. A raccontarla attraverso Facebook il protagonista di questa avventura, Carlo Trenta, che riporta in primo piano il dramma degli animali rimasti senza riparo nelle zone terremotate. "Ero a San Benedetto del Tronto - scrive - quando sono stato contattato dalla polizia stradale per un cavallo abbandonato ad Arquata nella neve". Quando è riuscito a raggiungerlo, sfidando anche il maltempo che imperversava sulla costa marchigiana, l'uomo ha trovato l'animale a terra privo di forze. "Gli ho dato del mais che mi aveva offerto il Wwf, del fieno e dell'acqua", prosegue Trenta. E il lieto fine: "Dopo un po' si è rialzato fortunatamente, poverino". Tanti ancora gli animali in difficoltà per il freddo intenso nelle zone terremotate